Perché un'auto può sorpassare un elicottero

Nell'epica competizione di velocità tra ciò che viaggia e ciò che vola, tendiamo a rinunciare incondizionatamente alla leadership nell'aviazione per un semplice motivo: meno resistenza aerea. Ma la fisica è una cosa divertente, irta di paradossi inaspettati. Considera, ad esempio, le capacità di velocità di un elicottero e di un'auto.

L'elicottero si solleva da terra quando l'alzata delle pale supera il proprio peso. Non appena questi indicatori si equalizzano, l'elicottero si libra nell'aria.

Per iniziare ad andare avanti, il pilota attiva il piatto oscillante, il meccanismo di controllo del rotore. Cambia il beccheggio e il rollio dell'elicottero creando una differenza nelle forze di sollevamento delle pale del rotore. All'aumentare dell'inclinazione, l'angolo di attacco e la portanza aumentano.

Tuttavia, a un certo punto (ad una velocità di circa 400 km / h), l'elicottero raggiunge il cosiddetto confine di separazione del flusso, quando l'ampiezza dei movimenti oscillatori dell'elica raggiunge un limite, che può portare a uno stallo del flusso da le punte delle lame.

A differenza di un elicottero, l'auto ha anche abbastanza problemi aerodinamici, ma allo stesso tempo non esiste un limite rigido per il tipo di confine di separazione del flusso, quindi non sorprende che lo sviluppo del veicolo supersonico Bloodhound SSC, in grado di raggiungere una velocità teorica di 1610 km / h, è in corso da diversi anni.