I caccia obsoleti dell'aeronautica americana verranno convertiti in droni

Nel 2018, si prevede che inizi a testare droni d'attacco basati su aerei obsoleti che volano insieme a caccia con equipaggio come parte del programma Loyal Wing dell'Aeronautica Militare degli Stati Uniti.

Il programma prevede l'esecuzione congiunta di missioni di combattimento di un gruppo di due caccia di quinta generazione e un drone d'attacco. In questo caso, il ruolo principale è assegnato al drone ei piloti di caccia eserciteranno il controllo sulle sue azioni, riducendo così al minimo tutti i loro rischi.

Questa tecnologia consentirà al pilota, al suo aereo e agli UAV di essere combinati in un unico sistema e consentirà loro di lavorare insieme con la massima efficienza. È consentita la possibilità di distruggere obiettivi da parte dei droni, che sarà determinata dai piloti.

I combattenti di quinta generazione saranno "leader"

Tutti i comandi verranno trasmessi su un canale protetto nel sistema DATALINK. Per evitare la minaccia di perdita di comunicazione, gli specialisti dell'US Air Force Research Laboratory stanno sviluppando una serie di strumenti che forniranno al drone la capacità di operare in modo autonomo.

Nonostante il fatto che il Pentagono non abbia in programma di creare armi di distruzione senza l'intervento umano, il vice segretario alla Difesa degli Stati Uniti Robert Work ha chiarito che l'agenzia che rappresenta cambierà il suo approccio se un potenziale avversario crea un'arma del genere.