Negli Stati Uniti ha iniziato a testare un complesso per combattere i droni

Con il rapido sviluppo degli UAV d'attacco, la comparsa di mezzi per combatterli è solo una questione di tempo. Attualmente, i rappresentanti dell'esercito degli Stati Uniti hanno iniziato a testare un complesso specificamente progettato per distruggere gli UAV nemici.

Il principale elemento che colpisce del complesso è un missile "intelligente" dotato di un sofisticato sistema di controllo radar. Verrà sparato dal cannone Orbital ATK Bushmaster III da 50 mm. La creazione del complesso è una sorta di risposta americana allo sviluppo di veicoli d'attacco senza pilota in molti paesi del mondo, tra i quali ci sono potenziali nemici degli Stati Uniti.

Secondo uno degli sviluppatori del complesso, Manfredi Luciano, il sistema Bushmaster ha molti vantaggi, inoltre, gli specialisti danesi e olandesi sono pronti a offrire il loro veicolo blindato CV-90, dove si trova una versione da 35 mm di questa pistola già installato.

La portata del missile è di poco più di un miglio. Il bersaglio viene bloccato utilizzando il radar a terra, dopodiché il cannone viene schierato nella direzione desiderata. Dopo il lancio, il controllo viene trasferito al computer di bordo in base alla mutevole situazione dell'aria. In futuro, specialisti militari sulla base di questo complesso propongono di creare sistemi per combattere missili, artiglieria e munizioni di mortaio.