È possibile che tu abbia un doppelganger

Appare sul tuo passaporto. È secondo lui che il criminale è determinato in un confronto. È da lui che anche dopo tanti anni gli amici ti riconosceranno per strada.

Il tuo viso è così strettamente legato alla tua personalità che potrebbe presto diventare l'unica cosa che ti sarà richiesta per sbloccare il tuo smartphone, accedere all'ufficio e acquistare immobili.

Tutto questo è possibile grazie al tuo aspetto unico. Ma un giorno tutte le illusioni vengono distrutte.

"Sono salito sull'aereo per ultimo e qualcuno era seduto al mio posto, quindi ho dovuto chiedergli di muoversi. Si è voltato e ho visto la mia faccia di fronte a me", ricorda Neil Douglas, che è volato in Irlanda quel giorno per un matrimonio - L'intero aereo ci ha guardato e ha riso

ha scattato questa foto. "

La strana sequenza di eventi è continuata quando Douglas è arrivato in hotel e ha visto lo stesso sosia alla reception.

Più tardi, le loro strade si sono incrociate di nuovo al bar e hanno deciso che l'universo li sta portando a bere qualcosa insieme.

La mattina dopo, dopo i postumi di una sbornia, Douglas è stato svegliato da una chiamata della radio argentina: una loro foto congiunta con un doppio ha causato un'accesa discussione su Internet.

La saggezza popolare dice che ognuno ha un doppio; da qualche parte nel mondo la tua copia esatta sta vagando - con gli occhi come quelli di tua madre, il naso come quello di tuo padre e con questa stupida talpa che rimuoverete tutti.

Questa idea ha occupato le menti delle persone per più di un millennio: ha costituito la base di una delle più antiche opere letterarie arrivate fino ai nostri giorni, è stata fonte di ispirazione per i poeti e ha spaventato a morte diverse regine.

Ma c'è anche un pizzico di verità in questo? La domanda sembra essere stupida, ma è più difficile rispondere di quanto possa sembrare e le conseguenze possono essere molto gravi. Più di sette miliardi di persone vivono sul nostro pianeta - sicuramente almeno una di loro è nata con esattamente la tua stessa faccia!

Fino a poco tempo, infatti, nessuno cercava di trovare una risposta a questa domanda. Ma l'anno scorso Tegan Lucas ha deciso di valutare il rischio che una persona innocente venga scambiata per un assassino.

Armata di una raccolta pubblicamente disponibile di fotografie dei militari americani e con l'aiuto dei colleghi dell'Università di Adelaide, ha studiato meticolosamente i volti di quasi 4.000 persone, misurando le distanze tra caratteristiche chiave come occhi e orecchie.

Ha quindi calcolato la probabilità che i volti di due persone fossero gli stessi.

È probabile che i risultati dello studio delizieranno il sistema di giustizia penale e deluderanno coloro che da tempo sognavano di incontrare la loro controparte: la probabilità di coincidenza con qualcuno in sole otto dimensioni è inferiore a un trilione.

Anche se ci sono 7, 4 miliardi di persone sul pianeta, la possibilità di avere almeno una coppia di gemelli nel mondo è solo una su 135.

"In precedenza, ti si poteva sempre chiedere in tribunale:" E se quella persona fosse proprio come lui? "Ma ora possiamo sostenere che questo è estremamente improbabile", dice Tegan.

Tali risultati possono essere spiegati dal noto "Teorema della scimmia infinita": se metti una scimmia davanti a una macchina da scrivere e aspetti abbastanza a lungo, alla fine, con colpi accidentali sulla tastiera, stamperà sicuramente l'opera completa di Shakespeare.

Da un punto di vista matematico, questa affermazione è corretta, ma se la guardi, diventa chiaro quanto incredibilmente tempo impiegherebbe una scimmia a sudare per questo.

Grammatica a parte, la probabilità di scrivere correttamente la prima lettera della tragedia di Shakespeare Macbeth in inglese è una su 26. Non male.

Ma alla seconda lettera la probabilità diminuisce a una su 676 (26 x 26), e alla fine della quarta riga (22 lettere) scende a una su 13 quintilioni.

Se moltiplichi tutte le probabilità, si scopre che le possibilità di riprodurre tutto Shakespeare in una scimmia sono estremamente ridotte.

Inoltre, l'ampia varietà di volti umani, ovviamente, non si riduce a otto caratteristiche.

Secondo Tengan, non solo tutti hanno un "gemello" - molto probabilmente, nessuno lo ha affatto.

Tuttavia, la storia non finisce qui. Lo studio si è basato su misurazioni accurate: se le orecchie del tuo doppelgänger sono 59 millimetri e tu ne hai 60, la tua somiglianza non conta, non importa quanto forte possa essere.

Anche se riesci a malapena a ricordare l'ultima volta che hai determinato la somiglianza delle persone dalla dimensione delle loro orecchie.

Sono possibili anche altre opzioni: tutto dipende da chi è considerato un doppio. "Si può parlare di somiglianze" viste dagli esseri umani "o di somiglianze per un programma di riconoscimento di modelli computerizzati", afferma David Oldus, uno statistico presso l'Università della California, Berkeley, USA.

François Brunel, che ha fotografato più di 200 coppie di doppi come parte del suo progetto "Non sono una copia", concorda con questa affermazione.

"Per me, la somiglianza è quando vedi una persona e la prendi per un'altra. Questa è una forma di essere, la somma di tutte le parti."

"Quando li guardi singolarmente, sembrano veri cloni l'uno dell'altro. Quando si incontrano e li vedono fianco a fianco, a volte sembra che non siano affatto uguali".

Se ignori i piccoli dettagli, la probabilità di avere due gemelli aumenta improvvisamente. È così?

Per scoprirlo, dobbiamo prima capire cosa succede quando riconosciamo un volto familiare.

Prendiamo, ad esempio, una foto scherzosa dei principali candidati alla presidenza degli Stati Uniti Bill Clinton e Al Gore, che ha fatto il giro di Internet prima delle elezioni del 1997.

A prima vista, l'immagine è insignificante: solo due uomini nelle vicinanze. Tuttavia, a un esame più attento, si scopre che i tratti "interni" del viso (occhi, naso e bocca) in Gore sono sostituiti da quelli di Clinton.

E anche con occhi, naso e bocca "alieni", pur mantenendo la struttura generale del viso, Al Gore sembra abbastanza riconoscibile in questa immagine.

Questo dimostra sorprendentemente come i volti siano immagazzinati nella nostra memoria, più simili a mappe che a immagini.

Se incontri una tua amica per strada, il cervello inizia subito a lavorare sul riconoscimento dei suoi tratti specifici, come la lunghezza dei capelli o la carnagione, proprio come se riconoscesse l'Italia solo dalla sua forma.

Ma cosa succede se la tua amica si è appena tagliata i capelli? O hai fatto pace?

Per riconoscere una persona in qualsiasi circostanza, il cervello utilizza un sito chiamato

"giro fusiforme" per riunire tutti i tratti del viso.

Se confronti questo processo con la ricerca di uno stato su una mappa, puoi immaginare che stiamo cercando un paese che confina con la Francia e ha uno sbocco sul mare.

Si ritiene che una percezione così olistica della "somma di tutte le parti" ci consenta di riconoscere le conoscenze in modo molto più accurato che se il cervello percepisse le loro caratteristiche separatamente.

Significativamente, diminuisce anche l'importanza di alcuni dei dettagli più fini.

"La maggior parte delle persone si concentra su caratteristiche superficiali come la lunghezza dei capelli, l'acconciatura, le sopracciglia", afferma Nick Filler, uno statistico coinvolto nel progetto per creare un programma di riconoscimento facciale basato su computer.

In altri studi, è stato scoperto che una persona guarda prima gli occhi, poi la bocca e il naso.

Quindi si tratta solo di determinare la probabilità che qualcun altro abbia tratti simili.

"Non ci sono così tanti geni responsabili della forma del viso e ci sono milioni di persone, quindi questo deve inevitabilmente accadere", afferma Winrich Freiwald, che studia la percezione facciale in

Università Rockefeller.

"È relativamente facile per una persona con una faccia normale trovare la propria specie", concorda Filler.

Immagina un uomo con i capelli biondi corti, gli occhi castani, un naso carnoso (come il principe Filippo britannico, duca di Edimburgo), una faccia tonda e una folta barba.

Non ci sono quasi dati sulla prevalenza di tali tratti del viso, ma questo signore ha ottime possibilità di trovarne il doppio: il 55% della popolazione mondiale ha gli occhi marroni.

Allo stesso tempo, secondo uno studio sponsorizzato da uno dei produttori di cosmetici, le facce rotonde sono più comuni che in ogni decimo caso.

Il prossimo è il naso. Uno studio di fotografie scattate in Europa e Israele mostra che un naso carnoso è l'opzione più comune (24, 2%) e, secondo l'autore, la meno attraente.

Infine, l'attaccatura dei capelli rimane. Se pensi che questo argomento sia irrilevante per una ricerca seria, allora ti sbagli: delle 24.300 persone che hanno preso parte allo studio in un parco di divertimenti nello stato americano della Florida, l'82% degli uomini aveva i capelli più corti delle spalle.

Tuttavia, è stato trovato solo il 2% delle bionde naturali. Inoltre, in Gran Bretagna, scherzosamente chiamata "la terra della barba", la maggior parte degli uomini ha la barba e quasi uno su sei ha una folta barba.

Un semplice calcolo (moltiplicando le proporzioni di uomini, occhi castani, biondi, paffuti, proprietari di un naso carnoso, capelli corti e barbuti) mostra che la probabilità di incontrare una persona con tutte queste caratteristiche è leggermente superiore a una su 100mila (0, 00001020%).

Ciò significa che su scala planetaria, il nostro uomo immaginario può avere fino a 74mila potenziali doppi.

Naturalmente, molti dei valori che indicano la prevalenza di un particolare tratto non sono applicabili al mondo intero, quindi i nostri calcoli sono molto approssimativi.

Tuttavia, a giudicare dal numero di "doppiette" di varie celebrità, non siamo poi così lontani dalla verità.

"Dopo che la nostra foto congiunta si è diffusa su Internet, a un certo punto mi è sembrato di avere un intero esercito di doppi", dice Douglas.

Quindi qual è la probabilità che tutti in questo mondo abbiano un doppio?

Il modo più semplice per scoprirlo è stimare il numero di varianti del viso e confrontarlo con il numero di persone che vivono oggi.

Ci si aspetterebbe che anche se ci sono 7, 4 miliardi di diverse varianti di volti nel mondo, quindi con una popolazione di 7, 4 miliardi, ognuna di esse si verifica una volta.

Tuttavia, non è tutto così semplice. Perché ciò sia statisticamente plausibile, dovrebbero esserci in realtà circa 150 miliardi di persone sulla Terra.

Questa discrepanza è dovuta a una stranezza statistica, che è ben illustrata dal problema della scelta dei coupon.

Immaginiamo che ci siano 50 coupon nel contenitore e ogni volta che uno dei tagliandi viene estratto, viene immediatamente rimesso a posto.

Quante volte dovrai estrarre i coupon per ottenerli almeno una volta?

Non ci vuole molto per ottenere i primi coupon. È molto più difficile ottenere gli ultimi: in media, anche per ottenere solo l'ultimo, occorrono circa 50 tentativi, quindi tutti i 50 coupon richiederanno circa 225 tentativi.

Pertanto, forse la maggior parte delle persone ha il doppio. Ma per tutti? "C'è una grande differenza tra fortuna occasionale e costante", osserva Oldus.

Nessuno sa esattamente quante opzioni di viso ci sono. E, forse, non otterremo mai una risposta univoca a questa domanda, poiché la percezione della somiglianza è soggettiva.

Alcune persone si riconoscono a malapena nelle fotografie e alcune dimenticano raramente i volti degli altri.

La nostra percezione di somiglianza dipende fortemente dal grado di vicinanza della nostra conoscenza.

"Alcuni doppi, incontrandosi, dicono: no, non vedo la somiglianza. È vero, non lo vedo. E per tutti gli altri è così ovvio che una simile affermazione sembra stupida", osserva Brunel.

Anche così, Filler dice che la probabilità di avere un gemello è piuttosto alta.

"Mi sembra che la maggior parte delle persone abbia qualcuno esteriormente simile, a meno che non abbia una faccia molto insolita ed eccezionale", dice.

Frevald è d'accordo con lui. "Penso che nell'era digitale in cui stiamo entrando, arriverà un momento in cui lo sapremo con certezza, poiché le fotografie di quasi tutte le persone saranno pubblicate su Internet", lo scienziato è convinto.

Perché siamo interessati a questo argomento? "Quando persone simili si incontrano, nasce immediatamente una connessione tra loro, perché hanno qualcosa in comune".

Brunel ha ricevuto risposte da migliaia di persone che cercavano le loro controparti, soprattutto dalla Cina (questa caratteristica lo considera una conseguenza della politica di contenere il tasso di natalità a un figlio per famiglia).

Studi hanno dimostrato che consideriamo le persone come noi più attraenti e affidabili: si ritiene che questo fattore abbia un ruolo nella scelta del candidato per il quale voteremo alle elezioni.

Forse questo fenomeno è radicato nel nostro passato profondo, quando la somiglianza esterna serviva da segno di parentela.

Nel mondo globalizzato di oggi, questa relazione è andata persa da tempo. "È possibile che persone esteriormente simili avranno campioni di DNA tanto diversi quanto due spettatori", ha detto Lavinia Paternoster, genetista presso l'Università di Bristol (Regno Unito).

E prima di sognare come tu e il tuo "gemello" a volte cambierete posto in situazioni diverse, tenete presente: non c'è garanzia che sarete uguali in tutto.

"Io sono un metro e settanta, e lui è un metro e novanta ... Quindi siamo simili solo in faccia", dice Douglas.