Fatti interessanti di Tit

La cinciallegra è un uccello della famiglia delle cince, l'ordine dei passeriformi. È uno degli uccelli più comuni in Europa, inoltre, le cince si possono trovare anche in Asia centrale e centrale, Medio Oriente e persino Nord Africa. Le tette sono sedentarie, per l'inverno non lasciano il loro habitat abituale, e nelle gelate più intense cercano di stare più vicine all'abitazione umana, dove è più facile trovare riparo e cibo.

La cinciallegra è un uccello molto utile, in un giorno è in grado di mangiare un numero enorme di insetti nocivi, il loro peso totale è quasi uguale al peso della cinciallegra stessa. Non c'è da stupirsi, in alcuni paesi sono stati emanati persino decreti che vietavano rigorosamente l'uccisione delle tette. Nel XIV secolo, Luigi di Baviera ordinò che fosse pagata una multa enorme per l'omicidio di una cincia, un "diligente cacciatore di insetti". L'autore del reato ha dovuto pagare 60 scellini, pollo e 12 galline al tesoro.

Le tette sono davvero molto laboriose. Mentre danno da mangiare ai pulcini, portano loro prede 30-40 volte in un'ora, facendo centinaia di voli alla luce del giorno. Le tette hanno un'ottima memoria, ricordano bene i luoghi dove hanno mangiato. Gli osservatori di uccelli affermano che un paio di cince da solo può proteggere almeno 40 alberi dai parassiti. Non per niente questi uccelli sono chiamati gli inservienti della foresta.

Le tette vivono volentieri in insediamenti dove è più facile procurarsi il cibo. Inoltre, le persone spesso appendono le mangiatoie per aiutare gli uccelli a sopravvivere al rigido inverno. Ma non tutti sanno che il pane nero per le tette può essere mortale. Il fatto è che si deposita nel gozzo degli uccelli e si gonfia, poiché contiene una grande quantità di lievito. È meglio nutrire le tette con semi di girasole, grano saraceno e pancetta non salata.

In Russia è stata celebrata anche la giornata di Sinichkin. È caduto il 30 ottobre (12 novembre, nuovo stile). In questo giorno, le mangiatoie preparate venivano appese agli alberi, se le tette si accalcavano per nutrirsi, questo era un presagio di prosperità in casa. Il comportamento delle cince è stato utilizzato per prevedere il tempo per i prossimi giorni. Si credeva che se gli uccelli fischiassero, il tempo sarebbe stato sereno, ma se iniziano a squittire, si dovrebbe aspettare l'imminente inizio del freddo.

Nella stagione, le cince hanno solitamente due frizioni, ognuna delle quali può contenere fino a 10-12 uova. Le tette raramente solcano una cavità in un tronco d'albero; più spesso preferiscono usare nidi abbandonati di altri uccelli o fessure nei muri per questi scopi. Solo la femmina è impegnata nel miglioramento del nido. In natura, la durata della vita delle cince raramente supera i tre anni; in cattività, sono in grado di vivere molto più a lungo.

Perché la tetta si chiamava così? Una rapida occhiata a questo uccello è sufficiente per assicurarsi che il colore blu nel suo piumaggio non sia praticamente trovato. Esistono molte versioni sull'origine del nome, una delle più plausibili è che il canto degli uccelli assomigli alle parole "zin-zin". Della famiglia delle cince, solo la cincia azzurra ha un "berretto" blu-azzurro sulla sommità della testa.

La temperatura corporea della cincia varia in modo significativo nei diversi momenti della giornata. Durante il giorno è di 42 gradi e di notte scende di 3 gradi. Il cuore di una cincia batte a una velocità incredibile: 50 battiti al minuto e durante un allarme il numero di battiti raddoppia. In estate, le tette si svegliano all'alba e un'ora prima del tramonto la loro attività diminuisce in modo significativo. L'inverno è il periodo più difficile dell'anno per le tette; non tutte sopravvivono con il freddo.

All'inizio del XX secolo, le bottiglie del latte iniziarono a essere sigillate con coperchi di carta stagnola. Sono passati diversi anni e le cince hanno imparato a beccarli. Inoltre, erano interessati solo alla crema, che si accumulava sopra, la cinciallegra non beveva latte. I lattai britannici, che consegnavano le loro merci, preferivano assicurarsi, chiudendo le bottiglie con tappi di plastica.

Nonostante le loro piccole dimensioni, le tette sono tutt'altro che uccelli innocui. Gli insetti costituiscono la base della loro dieta, ma le cince possono persino trasformarsi in predatori aggressivi. Piccoli uccelli e pipistrelli diventano le loro vittime. Dopo una caccia di successo, le tette non mangiano completamente la preda, molto spesso si limitano a beccare il cervello. Spesso le tette mangiano le carcasse di animali e uccelli morti.

Durante il volo, le tette sbattono raramente le ali, consumando così meno energia. Poiché le tette sono uccelli sedentari, non hanno una resistenza sufficiente e la loro velocità di volo non è elevata, fino a 35 chilometri all'ora. L'apertura alare delle tette è di circa 25 centimetri e il peso corporeo è di 20 grammi.

Un piccolo ruscello con il nome Sinichka, l'affluente sinistro della Yauza, scorre attraverso il territorio di Mosca. È difficile trovare il suo canale ora, poiché a metà del secolo scorso il Sinichka era racchiuso in un collettore sotterraneo, come la maggior parte dei fiumi di Mosca. È vero, gli storici locali ritengono che il nome Titmouse non abbia nulla a che fare con l'uccello, ma indica solo che l'acqua era bluastra.