Lacrime di coccodrillo

Usiamo l'espressione "piangere lacrime di coccodrillo" in relazione a una persona insincera che si lamenta ipocritamente e simpatizza con noi per qualsiasi motivo, la cui causa è spesso se stesso. Dicono che una persona versi lacrime di coccodrillo quando si immedesima falsamente con noi, sorridendo nella sua anima e gioendo per i fallimenti che hanno colpito la nostra sorte. In modo molto accurato e succinto, questa unità fraseologica caratterizza una persona insincera e ingannevole, trasmettendo perfettamente l'essenza della sua anima. Ma da dove viene questa espressione alata in russo, perché la nostra terra non è famosa per i coccodrilli?

Questa unità fraseologica ci è arrivata da tempo immemorabile e si basava sulla convinzione che i coccodrilli, mangiando la loro preda, piangessero, fingendo di rimpiangere la vittima. Questo tormentone era usato nell'antica Roma - riferimenti ad esso sono stati trovati nella biblioteca di Costantinopoli del patriarca Fozio (810-895). E la prima menzione conosciuta di questa espressione si trova in The Voyage and Travel of Sir John Mandeville, apparso per la prima volta in Inghilterra tra il 1357 e il 1371. Tra le altre cose, si menziona che i coccodrilli vivono in Etiopia, che piangono, mangiando una persona.

Ma è vero, il coccodrillo è davvero così sensibile e sentimentale da versare lacrime ardenti sulla sua vittima? Per molto tempo le persone la pensavano in questo modo. Certo, resta il fatto: molti studi hanno confermato che un coccodrillo ha effettivamente un liquido che sembra lacrime quando mangia cibo. Tuttavia, questo liquido non ha nulla a che fare con le lacrime, soprattutto le lacrime di rimpianto. C'era persino una versione che queste non fossero lacrime, ma la saliva del desiderio di cibo delizioso, manifestato al momento del pasto. Ma tutte queste versioni non sono vere e le lacrime di coccodrillo hanno una spiegazione più banale. Il fatto è che i coccodrilli hanno un sistema imperfetto per rimuovere i sali in eccesso dal corpo. E le ghiandole speciali che aiutano i reni a rimuovere i sali in eccesso si trovano proprio vicino agli occhi. Ecco perché durante il lavoro di queste ghiandole appare un liquido che viene scambiato per lacrime Questa teoria spiega perché i coccodrilli non "piangono" sempre mentre mangiano.

Ecco la storia delle lacrime di coccodrillo dell'unità fraseologica. Tuttavia, dal fatto che abbiamo finalmente appreso la verità sulle abitudini dei coccodrilli, questa unità fraseologica non perderà il suo significato. È troppo preciso, fantasioso e conveniente.