Myasnoy Bor - Valle della morte russa

Myasnoy Bor - come per una malvagia presa in giro del destino, è stato nominato un piccolo insediamento nella regione di Novgorod, per il quale il destino ha preparato un ruolo terribile - per diventare un sanguinoso tritacarne, che nel 1942, durante l'operazione Luban, ha macinato decine di migliaia di vite di soldati sovietici, tedeschi e spagnoli.

Durante la guerra alla fine del 1941, nell'ambito delle operazioni per rompere il blocco di Leningrado, l'Armata Rossa riuscì a rompere le difese dell'esercito tedesco vicino a Myasny Bor. I soldati della Seconda Armata d'urto si spostarono nel vuoto formato e iniziarono ad avanzare rapidamente in direzione dell'insediamento strategicamente importante di Lyuban.

Gli attacchi delle nostre truppe furono respinti dal fuoco dell'uragano nemico, che l'artiglieria non fu in grado di reprimere. L'inizio del disgelo primaverile interruppe bruscamente l'approvvigionamento dell'esercito. Il nemico ha cercato di chiudere la gola della svolta e, attirando nuove forze.

Nell'aprile 1942, il quartier generale nominò il generale Vlasov comandante dei circondati ed esausti nelle battaglie della 2a armata. Il bosco era diventato un disastro al suo arrivo. Cercando di uscire dall'inferno, i nostri soldati con sforzi incredibili sono riusciti a sfondare un corridoio per il ritiro del resto delle truppe o il passaggio dei rinforzi. Il quartier generale non ha consentito il ritiro delle truppe. La difesa è rimasta.

Feroci battaglie si sono svolte per il corridoio formato nell'area di Myasny Bor. Durante l'intero periodo di questa operazione, la sua larghezza variava da 3-4 chilometri a una ristretta area di fuoco di 300 metri.

Il 25 giugno, il nemico ha eliminato il corridoio. Vlasov ha rifiutato di abbandonare i propri soldati quando l'ultimo aereo è volato per lui per evacuare il comandante in profondità nel territorio sovietico.

8 divisioni e 6 brigate furono circondate. Il quartier generale dell'esercito è stato sconfitto. Il comando delle truppe è stato interrotto. Le auto si sono fermate, il carburante è finito. La rimozione dei feriti è stata interrotta. La svolta non è riuscita. Il generale Vlasov fuggì, vestito con un abito da donna, lasciando l'esercito e si arrese, in seguito iniziò a servire i nazisti. Il 20 maggio, orde di zanzare delle paludi hanno attaccato i soldati esausti e incruenti. Infine, il quartier generale dell'esercito dà l'ordine di distruggere l'equipaggiamento e irrompere a Myasnoy Bor, lasciando i feriti gravi. Era tutto finito entro luglio. Più di 11mila cadaveri furono lasciati a marcire nelle foreste e nelle paludi.

Sono passati più di 70 anni da quei tragici eventi e gli abitanti della zona hanno paura di addentrarsi nella foresta anche durante il giorno. E non sono solo gli ordigni inesplosi rimasti dalla guerra. Troppe persone hanno visto i fantasmi dei militari in questi luoghi. Ci sono stati anche casi in cui i membri delle squadre di ricerca hanno sentito voci che li hanno aiutati a trovare questo o quel soldato. Inoltre, questo è uno dei rari posti in cui sono presenti i cosiddetti cronometri. Cioè, le persone a volte vedono eventi che hanno avuto luogo nello stesso luogo, ma in un momento diverso.

Molti hanno fretta di incassare la comune sfortuna: nelle foreste di Myasny Bor, c'è un'alta attività dei cosiddetti "archeologi neri" che sono alla ricerca di armi e oggetti di valore. Ma ci sono anche distaccamenti che stanno lavorando attivamente alla ricerca e ulteriore sepoltura di soldati morti, e non importa - il loro o il tedesco ... Dopotutto, la guerra continua fino a quando l'ultimo soldato che è morto su di essa viene sepolto.