La teoria di Lombroso - fronte bassa sei un criminale

Oggi, molti di noi, che non hanno nemmeno mai incontrato i banditi di persona (e Dio non voglia!), Hanno, tuttavia, un'idea chiara di come dovrebbero apparire queste creature dalla mentalità ristretta.

Forse questi stereotipi ci sono venuti da film televisivi ricchi di azione, in cui il ruolo dei banditi è talvolta incarnato da attori con tratti del viso caratteristici? Ma, molto probabilmente, questi sono echi in ciascuno di noi della teoria di Cesare Lombroso sulla natura innata del crimine, con la quale questo psichiatra italiano è stato in grado di smuovere a fondo l'intera società europea nel XIX secolo.

Non diventano banditi, ma nascono subito.

Lombroso ha difeso l'affermazione che le persone non diventano banditi, ma nascono subito da loro, che tutti i criminali già dalla nascita hanno dei "geni della malvagità", che predetermina completamente il percorso di vita del futuro criminale.

Nessuna educazione può correggere una persona nata criminale.

Lombroso considerava queste persone sottosviluppate, avendo molto in comune con gli animali. Pertanto, C. Lombroso ha suggerito di identificare tali individui fin dall'infanzia e di isolarli immediatamente dalla società (portandoli su isole disabitate), o addirittura privarli della vita.

L'autore può essere riconosciuto dal suo aspetto.

Inoltre, Lombroso fa una conclusione logica per la sua teoria: se i geni del crimine sono presenti in una persona dalla nascita, allora non possono che influenzare il suo aspetto. Cioè, i criminali possono essere distinti dalle persone rispettabili dai loro dati esterni.

Ha scritto che le caratteristiche distintive dei banditi sono: una fronte bassa, un cranio asimmetrico, un naso appiattito, arcate sopracciliari sviluppate, uno sguardo dal basso, mascelle massicce e altri, ed è da queste caratteristiche che si può sempre riconoscere una persona con inclinazioni criminali.

Perché Cesare si appassionò così profondamente allo studio dei criminali?

Ragazzo ebreo, nato nel novembre 1835 nella città italiana di Verona e dopo aver ricevuto una buona istruzione in diverse università europee, all'età di 19 anni, iniziò a pubblicare le sue prime opere sulla psichiatria.

E nel 1859 Cesare cambiò la sua carriera scientifica per lavorare come chirurgo militare, e in questi anni ebbe spesso l'opportunità di prendere parte alle allora campagne di lotta alla criminalità nel sud del Paese. Questo è ciò che ha spinto lo psichiatra curioso a condurre i suoi primi studi. Ha effettuato misurazioni di parti dei volti, la forma dei crani dei banditi catturati con l'aiuto di un dispositivo da lui inventato - un "craniografo" e ha sottoposto il materiale raccolto a elaborazione statistica.

Cesare Lombroso ha identificato 4 tipologie di criminali: ladri, assassini, stupratori e truffatori. E per ogni tipo di "degenerato" ha descritto le sue caratteristiche in apparenza.

Continuando a lavorare nel campo della psichiatria: dal 1871 diresse un ospedale psichiatrico, e dal 1876 - il dipartimento di psichiatria dell'Università di Torino, Lombroso scrisse la sua opera più significativa, "L'uomo criminale".

La macchina della verità è un'invenzione di Cesare Lombroso.

Un altro risultato di Cesare Lombroso è l'invenzione del primo rilevatore di bugie. Lombroso ha suggerito di monitorare la pressione sanguigna del sospettato durante l'interrogatorio e di giudicare dai salti negli indicatori sulla veridicità o falsità di ciò che la persona ha detto.

Critica alla teoria di Lombroso.

Ma la teoria di Cesare Lombroso, nonostante la sua clamorosa fama, ricevette subito molte critiche, perché lo psichiatra esagerava il biologico e non teneva completamente conto della componente sociale nella causa del crimine.

Ma le tecniche di Lombroso per misurare i teschi furono adottate dai nazisti e utilizzate nei campi di concentramento prima di inviare le persone ai forni da campo. Sebbene lo stesso Lombroso morì nel 1909, molto prima della nascita del fascismo, questo fatto servì a denigrare la sua teoria del crimine genetico.

Va anche notato che più vicino alla vecchiaia, lo psichiatra ha apportato alcune modifiche al suo insegnamento: ha iniziato a sostenere che solo il 40% dei criminali è incorreggibile e il 60% può ancora essere corretto.