Qual era il nome dell'artista dalla canzone "A Million Scarlet Roses"

La canzone "A Million Roses", scritta sui versi di Andrei Voznesensky e cantata per la prima volta da Alla Pugacheva, è diventata una delle canzoni più popolari del decennio. Ma chi è servito da prototipo per l'artista innamorato, o era una storia romantica immaginaria?

Si scopre che la poesia, e poi la canzone, è basata sulla leggenda del famoso atto dell'artista georgiano Niko Pirosmani, che aveva un amore non corrisposto per l'attrice Margarita (probabilmente una francese), che ha brillato sul palco di Tiflis all'inizio del XX secolo. Ecco com'era ...

... Questa mattina d'estate all'inizio non era diversa dalle altre. Il sole sorse da Kakheti altrettanto inesorabilmente, infiammando tutto intorno, e gli asini legati ai pali del telegrafo singhiozzavano. La mattina sonnecchiava ancora in uno dei vicoli di Sololaki, un'ombra si stendeva sulle basse case di legno grigio. In una di queste case, le piccole finestre al secondo piano erano aperte e Margarita dormiva dietro di loro, coprendosi gli occhi con ciglia rossastre. In generale, la mattina sarebbe davvero la più ordinaria, se non sapessi che era la mattina del compleanno di Niko Pirosmanishvili e se fosse quella stessa mattina in uno stretto vicolo di Sololaki, i carri con un carico raro e leggero non apparivano . I carri venivano caricati fino all'orlo con fiori recisi spruzzati con acqua. Questo faceva sembrare i fiori ricoperti da centinaia di minuscoli arcobaleni. I carri si fermarono vicino alla casa di Margarita. Parlando sottovoce, gli apostoli iniziarono a rimuovere bracciate di fiori e a gettarli sul marciapiede e sul marciapiede sulla soglia. Sembrava che i carri portassero qui fiori non solo da tutta Tiflis, ma anche da tutta la Georgia. Le risate dei bambini e le esclamazioni delle casalinghe svegliarono Margarita. Si mise a sedere sul letto e sospirò. Laghi di odori - rinfrescanti, teneri, luminosi e teneri, gioiosi e tristi - riempivano l'aria. Margarita agitata, che ancora non capiva niente, si vestì velocemente. Indossò il suo vestito migliore e più ricco e braccialetti pesanti, si sistemò i capelli color bronzo e, vestendosi, sorrise senza sapere perché. Immaginava che questa vacanza fosse organizzata per lei. Ma da chi? E in quale occasione?

In questo momento, l'unico uomo, magro e pallido, decise di attraversare il confine dei fiori e camminò lentamente attraverso i fiori fino alla casa di Margarita. La folla lo riconobbe e tacque. Era un artista mendicante Niko Pirosmanishvili. Dove ha preso così tanti soldi per comprare questi cumuli di fiori? Così tanti soldi! Si diresse verso la casa di Margarita, toccando le pareti con la mano. Tutti videro come Margarita corse fuori di casa per incontrarlo - nessuno l'aveva mai vista in un tale splendore di bellezza - abbracciò Pirosmani per le spalle sottili e doloranti e si premette contro il suo vecchio cassiere e per la prima volta baciò forte Niko sul labbra. Baciato davanti al sole, al cielo e alla gente comune.

Alcune persone si sono voltate per nascondere le proprie lacrime. La gente pensava che un grande amore troverà sempre la sua strada per una persona cara, anche se ha il cuore freddo. L'amore di Niko non ha conquistato Margarita. Quindi, almeno, pensavano tutti. Ma ancora era impossibile capire se fosse davvero così? Lo stesso Niko non poteva dirlo. Ben presto Margarita si ritrovò una ricca amante e fuggì con lui da Tiflis.

Il ritratto dell'attrice Margarita è testimone di un bellissimo amore. Un viso bianco, un vestito bianco, braccia tese in modo toccante, un mazzo di fiori bianchi - e parole bianche deposte ai piedi dell'attrice ... "Perdono i bianchi", ha detto Pirosmani.