Come lo scultore Klodt si è vendicato degli imperatori

Klodt rende i cavalli migliori di uno stallone: ​​un complimento così dubbio è stato fatto al famoso scultore Nikolai I. Fu all'inaugurazione dell'ensemble scultoreo "Taming the Horse" sul ponte Anichkov. L'imperatore probabilmente non sapeva che avrebbe dovuto stare più attento con l'orgoglioso francese. Il barone Pyotr Klodt si è rivelato estremamente vendicativo ...

Gli anni passarono e fu lui, Klodt, a essere incaricato di creare una statua dell'imperatore, già deceduto a quel tempo. Ovviamente il monumento doveva essere equestre. Il maestro ha fatto il suo lavoro in modo superbo: il suo cavaliere ha addirittura superato quello "rame", perché il cavallo sotto Nicholas si tiene solo su due punti di appoggio! Nessuno al mondo avrebbe potuto farlo prima di Klodt. Tuttavia, ricordando le precedenti lamentele, lo scultore si è comunque vendicato del monarca: sul collo di Nicola ha scritto una parola russa di tre lettere, che tutti in Russia conoscono. Questa iscrizione è ancora viva.

Non era una novità per Pyotr Ivanovich Klodt affrontare i nemici attraverso le sue sculture. Passando lungo il ponte Anichkov, prestate ancora una volta attenzione ai cavalli di Klodt: un ardente anti-bonapartista, uno scultore nel suo spirito "punse" il "corso frenetico" picchiettando un profilo napoleonico tra le gambe di uno dei cavalli.

Fonte: "AiF-Petersburg" №14 (189) - aprile 1997