Fatti interessanti sulle bretelle

Secondo la leggenda, la storia delle bretelle in Russia è iniziata molto tempo fa. Peter I ha costruito Pietroburgo e ha perso molto peso, i suoi pantaloni non potevano trattenerlo in alcun modo. Quindi, su consiglio dei cortigiani tedeschi, decise di stendere il filo sulle spalle e di allacciarle con bottoni di rame cuciti sui pantaloni davanti alla pancia.

Ma in Europa, la prima menzione di parentesi graffe apparve durante il regno di Luigi XIV. Le bretelle sembravano una fionda per una spada e solo molto tempo dopo furono trasformate in un accessorio per sostenere i pantaloni.

In Germania, per centinaia di anni, le parentesi graffe (bretelle) sono state una parte indispensabile dell'abbigliamento quotidiano e del fine settimana. Riuscite ad immaginare i famosi pantaloni di pelle tedeschi senza bretelle)?

Nel XVIII secolo, le bretelle stesse erano realizzate in pelle, sebbene fossero realizzate in tessuto denso e persino tessute e lavorate a maglia. Ad un certo punto, le parentesi graffe sono diventate un simbolo riconosciuto dell'efficienza americana.

Secondo un'altra versione, le parentesi graffe apparvero in Francia durante la rivoluzione del 1789 - 1794. Fu in questo momento che gli aderenti al nuovo sistema iniziarono ad abbandonare massicciamente le cinture, che spesso non potevano permettersi, a favore delle parentesi graffe. All'inizio sembravano strisce di tessuto elastico, poi iniziarono ad essere fissate sul retro con un bottone. Esiste anche una versione secondo cui le parentesi graffe furono inventate come le conosciamo oggi da Albert Thorston, nel 1820.

In primo luogo, furono attaccati con passanti ai bottoni cuciti ai pantaloni, poi, nell'ottobre 1894, David Rough inventò e brevettò speciali clip in modo che le bretelle potessero essere attaccate a qualsiasi pantaloni, pantaloni o jeans.

L'innovazione prese rapidamente piede grazie al fatto che la moda di quegli anni vestiva gli uomini con pantaloni con una vita leggermente alta, poiché una cintura del genere non poteva soddisfare il suo scopo. È impossibile immaginare un elegante gentiluomo di quegli anni senza eleganti bretelle.

Nella prima metà del 20 ° secolo, la popolarità delle parentesi graffe iniziò a diminuire. Sono stati utilizzati principalmente da agricoltori e lavoratori.

Le bretelle sono riemerse sulla scena della moda negli anni '60 in Gran Bretagna, con la classe operaia che combinava jeans attillati e bretelle in quanto funzionali ed eleganti. Poi, negli anni '70, un'ondata di popolarità per lo stile unisex spazzò le donne in Europa e negli Stati Uniti e le bretelle si adattarono perfettamente.

La forma delle parentesi graffe differisce nella disposizione delle strisce sul retro. Può essere a forma di X, Y e H. Quelli a forma di H sono un attributo di uniformi o indumenti speciali e, se non sei un vigile del fuoco, è improbabile che ti attirino. Le intersezioni X e Y sono più standard e di routine.

Le bretelle sono talvolta commercializzate come gli abiti di un manager e di un agente di cambio: pantaloni neri con frecce, una camicia bianca e bretelle rosse. Le bretelle di buona qualità dovrebbero essere della lunghezza appropriata, non troppo strette e abbinare il colore della cravatta

Le fasi principali dell'invenzione, miglioramento e promozione dello stile delle bretelle:

  • 1820 - Albert Thorston crea e vende nel suo negozio di Londra le prime bretelle, le più somiglianti a quelle moderne. Sono fissati con passanti in pelle a bottoni speciali all'interno o all'esterno dei pantaloni. In Gran Bretagna da allora le parentesi graffe sono state chiamate "bretelle", mentre in America si usa più spesso la variante "bretelle". L'azienda Albert Thurston esiste ancora oggi e produce ancora forse il migliore, o almeno il più famoso, bretelle.
  • 1871 - Samuel Clemens, colui che ha scritto "Tom Sawyer" con lo pseudonimo di Mark Twain, riceve il brevetto numero 121992. Molte persone in qualche modo pensano che fosse un brevetto per parentesi graffe, sebbene in realtà Clemens li considerasse estremamente scomodi e inventò An Un'alternativa a loro è un cinturino regolabile, che, come le bretelle, si attacca ai bottoni dei pantaloni, di una camicia o anche di un corsetto da donna e li stringe in vita.
  • 1894 - Un certo David Rough riceve il brevetto n. 527887 per il primo apparecchio a clip al mondo. Ora i pantaloni non hanno bisogno di bottoni speciali per attaccare le bretelle.
  • 1928 - A causa del fatto che i pantaloni a vita alta vengono sostituiti da modelli che siedono quasi sui fianchi, le bretelle perdono la loro precedente popolarità, ma non scompaiono del tutto. I medici americani, preoccupati per l'obesità, rimproverano le cinture e, insieme a un regolare esercizio fisico, raccomandano ai pazienti di indossare l'apparecchio.
  • 1938 - Le bretelle, come prima, sono ancora considerate un elemento di biancheria intima. Indossarli in bella vista senza coprirli con una giacca è considerato rischioso. Un temerario in una piccola città di Long Island è stato multato per tali libertà, definendo bretelle, indossate senza giacca sopra, oscenità in termini di stile.
  • 1939 - L'attore Ralph Richardson confessa che quando seppe dello scoppio della guerra, la prima cosa che fece fu andare dal suo sarto a Savile Row e, temendo una possibile carenza, comprò da lui sei paia di bretelle.
  • Anni '60 - Le bretelle diventano parte dell'immagine skinhead britannica. Indossa blue jeans e attacca loro le bretelle con dei fermagli, anche se i jeans non hanno bisogno di alcun supporto aggiuntivo: si mantengono in modo uniforme sulla cintura.
  • 1987 - Dopo l'uscita di Wall Street, le parentesi graffe sono nella lista dei must per i banchieri d'investimento. Da quel momento in poi, è stato a lungo considerato che le bretelle sono un segno di prosperità e successo, e chi non ha né l'una né l'altra non dovrebbe indossare accessori che alludano a questi vantaggi.