Fatti interessanti sul vetro

La temperatura di fusione del vetro va da 300 a 2500 ⁰C, a seconda dei componenti inclusi nella sua composizione.

Il vetro contiene sabbia di quarzo (circa il 70%), calce e soda.

La crepa del vetro rotto si muove a 5000 km / h

Il vetro detiene il record per il tempo di decomposizione, che è di circa 1 milione di anni.

Il vetro è un materiale riciclabile al 100% senza perdere qualità.

La rifusione del vetro costa del 40% in meno rispetto alla sua produzione da componenti primari.

Puoi creare fili di vetro, la cui flessibilità sarà sufficiente per cucire il tessuto.

Il vetro è verniciato con ossidi di metallo, ad esempio, l'ossido di ferro viene utilizzato per conferire al vetro una tonalità bluastra o rosso scuro, una tonalità giallo chiaro si ottiene con l'ossido di uranio e viola e marrone con il nichel.

Per creare un vetro blindato (antiproiettile), diversi strati di vetri vengono applicati uno sopra l'altro, legandoli con un film polimerico, quindi il "sandwich" risultante viene riscaldato in un forno e arrotolato ad alta pressione con una macchina.

Il parabrezza dell'auto non cade a pezzi a causa della pellicola di plastica, come nel caso dei vetri blindati.

Per rendere trasparente il vetro smerigliato, è sufficiente attaccare del nastro trasparente su di esso, l'adesivo del nastro leviga le irregolarità, di conseguenza, la luce non si disperde, ma passa attraverso il normale vetro.

Il vetro di sicurezza è stato inventato accidentalmente da Edouard Benedictus, un chimico francese nel 1903, dopo aver fatto cadere una fiaschetta di nitrocellulosa. Con sua sorpresa, il vetro non si frantumò in frammenti, ma si ruppe solo leggermente. È così che Benedictus ha dato vita ai primi parabrezza.

Il primo vetro antiproiettile fu installato nel 1941 nelle finestre dello Studio Ovale della Casa Bianca degli Stati Uniti.

L'esempio più antico di fabbricazione del vetro è una perla verdastra di 9 mm di diametro, trovata da Flinders Petrie vicino a Tebe, secondo gli scienziati, la sua età è di circa cinquemila anni e mezzo. È conservato nel Museo di Berlino.

In Europa nel Medioevo era diffuso un disturbo mentale, in cui il paziente dichiarava di essere di vetro e poteva rompersi in qualsiasi momento. A soffrire di un tale disordine, per qualche motivo erano principalmente nobili, uno dei quali era il re francese Carlo VI. Ha categoricamente proibito di toccarsi e indossava solo abiti morbidi e spessi in modo da non "rompersi" inavvertitamente.