Il prototipo di Sherlock Holmes era un professore di medicina

Attore Vasily Livanov (Sherlock Holmes)

Nella primavera del 1886, il giovane scrittore inglese Arthur Conan Doyle terminò di lavorare al racconto "Study in Crimson", il primo lavoro sulle avventure del detective Sherlock Holmes. La storia si interessò al direttore di uno degli editori J. Bettany, che offrì all'autore 25 sterline, a condizione che tutti i diritti su quest'opera fossero trasferiti all'editore. L'editore ha anche notato che non poteva offrire altre opzioni: il mercato era già invaso da letteratura a buon mercato. Allora nessuno poteva nemmeno immaginare che presto il mondo intero avrebbe imparato a conoscere Sherlock Holmes, ei lettori non vedevano l'ora di continuare le sue incredibili avventure.

Sherlock Holmes è un personaggio immaginario, ovviamente, ma ha un prototipo, Joseph Bell, professore di medicina, che ha insegnato all'Università di Edimburgo, dove Conan Doyle ha studiato da giovane. Il professore ha avuto un'osservazione sorprendente, ha assicurato che per stabilire una diagnosi non è necessario chiedere al paziente, basta solo guardarlo.

Una volta che un paziente anziano è venuto a trovare Bell, guardando chi, il professore ha detto che ha prestato servizio in un battaglione di fucili da montagna alle Barbados, e al momento gli affari finanziari dell'ex guerriero sono tutt'altro che buoni, deve persino guadagnare soldi extra come un calzolaio. Inoltre, anche la moglie dell'uomo è malata ed è attualmente ricoverata in ospedale.

Joseph Bell

Il professore ha spiegato agli studenti sorpresi: il suo paziente è stato gentile, ma entrando nella stanza non si è tolto il copricapo: segno evidente che la persona aveva prestato servizio nell'esercito per molto tempo. Ha elefantismo e questa malattia colpisce gli abitanti delle Barbados, dove si trova solo un'unità dell'esercito britannico, il battaglione dei fucili da montagna. Il paziente ha calli sul pollice, prova che spesso ha a che fare con la spazzatura. Dalla tasca puoi vedere il coupon di ricovero e sulla mano la fede nuziale. Queste testimonianze hanno portato alla conclusione che la moglie era ammalata e si stava sottoponendo a cure in ospedale. Una catena di un orologio è appesa al giubbotto, ma l'orologio stesso non lo è: sono venduti o impegnati. Un chiaro segno di una difficile situazione finanziaria. Ci sono lanugine sui vestiti, il che significa che devi rifare il letto da solo. Un altro segno che la moglie non è a casa.

Dopo essersi laureato all'università, Arthur Conan Doyle ha deciso di intraprendere uno studio medico privato, ma c'erano pochi clienti. Per guadagnarsi da vivere in qualche modo, un giovane medico inizia a scrivere racconti e li invia alle riviste. Fu allora che si ricordò del suo maestro. È vero, l'eroe letterario non era più un medico, ma un detective.

E lo stesso Joseph Bell non è mai diventato un detective, nonostante le sue incredibili capacità. Rimase fedele alla medicina per tutta la vita. Il professore morì nel 1911 all'età di 74 anni nella sua nativa Edimburgo.